Morti sul lavoro, lavorare per vivere o per morire?

“La tragedia consumata all’interno dell’Archivio di Stato di Arezzo è l’ennesima testimonianza della totale indifferenza dimostrata dallo Stato in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Non ci sono parole giuste per esprimere il nostro cordoglio alle famiglie e né tantomeno esistono parole per definire l’assurdità di una morte dovuta ancora una volta al lavoro.

Siamo sicuri che questo esecutivo farà luce sulla questione e che darà l’input per aprire subito dei tavoli a tutti i livelli presso i vari ministeri per affrontare con celerità e concretezza questo grave problema, coinvolgendo tutte le parti interessate.

Confintesa FP Toscana chiede al Governo di intervenire immediatamente e fare il punto della situazione sulle condizioni di sicurezza dei posti di lavoro pubblici, di fare i giusti investimenti, e fornire l’adeguata tutela al lavoratore; tutti fattori che dovrebbero essere considerati insiti ma che vengono piuttosto contemplati come accessori”. Questa la dichiarazione di  Sandra Badii, il Segretario Generale Regionale di Confintesa FP della Toscana.

 

Recommended For You

About the Author: Manuela Teti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: