Badii(Confintesa Firenze): Venerdì nero per il trasporto fiorentino

“Dopo una lunga e difficile trattativa che ha visto protagonisti gli oltre 800 dipendenti del trasporto cittadino di ATAF è comprensibile una mobilitazione del personale. I dipendenti sono in totale disaccordo con le posizioni prese dall’azienda in merito all’accordo sulle garanzie dei livelli occupazionali, assunzioni ,copertura del turnover ed ulteriore indennità da destinare a controllori, verificatori e autisti.

Forse è anche ora di rivedere l’istituto dello sciopero che in questa forma rischia di essere inefficace e fa perdere la giornata di stipendio a chi aderisce. Senza contare il disagio all’utenza che spesso non conosce neppure le ragioni che stanno alla base della protesta.

È sempre più necessario, quindi introdurre nel nostro ordinamento forme di sciopero che chiariscano ai cittadini cosa le anima come ad esempio quello che è stato definito “sciopero virtuale”’ che coinvolge in egual misura scioperanti e datori di lavoro ma non tocca l’utenza

Confintesa Firenze è disponibile a dare maggiori possibilità di ascolto alla voce dei lavoratori.”

Questa la dichiarazione di Sandra Badii, Segretario nazionale di Confintesa Toscana a seguito della protesta dei lavoratori ATAF

 

 

Recommended For You

About the Author: Martina Boccalini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: