Riforma PA: Rinnovo dei Contratti prima della Riforma.

 

 “Pubblica Amministrazione: si cambia!”. È da decenni che leggiamo questa affermazione perentoria accompagnata dalla riforma di turno. Ora è il turno delle “pagelle dei cittadini” a cercare di far perdere l’attenzione su una riforma che dovrebbe essere organica ed equa, iniziando dai suoi vertici per arrivare ad una valutazione complessiva data dalla platea degli utenti. Ed invece poco o nulla si sta facendo per individuare le responsabilità di direzione, lasciando alla pubblica piazza il compito di giudicare il lavoro dei dipendenti pubblici.
In ogni caso per il governo il problema restano i soldi. Tant’è che per ogni provvedimento annunciato, dal part time agli asili nido, fino all’ultimo smartworking per le famiglie, viene sempre precisato che tutto si farà nei limiti delle risorse disponibili. E sullo sfondo rimangono sempre le risorse per il rinnovo del contratto, e con l’Europa che pretende la manovra correttiva di 3,4 mld, la tentazione per il governo di tagliare le risorse per i rinnovi contrattuali è molto forte.
Non vogliamo parlare di nuove regole ed arrivare alla fine dell’anno senza un euro in busta paga.  Chiediamo l’avvio delle procedure per il rinnovo dei ccnl dove si devono svolgere per legge, ovvero l’Agenzia per la Rappresentanza delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN), e non più nel palcoscenico mediatico della Sala Verde di Palazzo Chigi.

Ufficio Stampa

Recommended For You

About the Author: Segreteria

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: