Ancora vittime sul lavoro. Prudenzano(Confintesa): “Urgono provvedimenti”

“Anche un solo morto sul lavoro diventa un dato su cui bisogna riflettere ma orma, ogni giorno, siamo davanti ad un vero e proprio bollettino di guerra”.

Lo dichiara Francesco Prudenzano, Segretario Generale di Confintesa, in merito agli ultimi tre morti sul lavoro registrati nella giornata di ieri.

 “Solo ieri- continua Prudenzano – sono stati tre gli incidenti mortali sul lavoro che hanno tolto la vita a tre operai che stavano facendo il loro lavoro. Saranno gli accertamenti che farà la magistratura a stabilire se esistano responsabilità e omissioni di misure di sicurezza ma rimane il fatto che ormai le morti sul lavoro invece di diminuire stanno aumentando rispetto allo scorso anno. Secondo i dati ufficiali forniti dall’Inail, nei primi tre mesi del 2022 i morti sul lavoro sono stati 189, quattro in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e le denunce di infortunio sono state 194.106, con un aumento del 50,9% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Una situazione insostenibile – conclude Prudenzano – che rischia di peggiorare se si continua a far finte di niente. Urgono provvedimenti seri e necessita soprattutto incrementare il numero degli ispettori per effettuare i dovuti controlli su tutto il territorio.

Non si può e non si deve morire per lavorare. Il Governo ne prenda atto e inserisca questo tema come una priorità da risolvere quanto prima”.   

 

Potete seguirci anche sui nostri canali social:

Instagram: https://www.instagram.com/confintesa_nazionale/ –  Facebook: https://www.facebook.com/confintesaitalia   – Twitter: https://twitter.com/ConfintesaTweet– Youtube: https://www.youtube.com/c/ConfintesaSocial

 

 

 

Recommended For You

About the Author: Elibera

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: