Il Referendum non risolve i problemi economici del Paese, serve una scossa sociale

“Nella contesa referendaria del 20 e 21 settembre Confintesa non vede alcuna soluzione ai problemi economici, sociali e del mondo del lavoro, sia per la vittoria dei SI che dei NO.” Lo afferma Francesco Prudenzano Segretario Generale di Confintesa in relazione al referendum che si terrà domenica e lunedì per la diminuzione del numero dei parlamentari.

 

“Confintesa – continua Prudenzano – è convinta che i problemi che affliggono l’Italia e gli italiani vanno ben oltre la conferma o la diminuzione del numero dei parlamentari ma debbono essere affrontati con riforme strutturali idonee a garantire la ripresa produttiva da parte delle imprese e sostenere le famiglie che, soprattutto con la crisi epidemica del Covid, stanno sostenendo enormi sacrifici.

 

La situazione economica del paese, in apparente tranquillità, ha bisogno di una vera scossa affinché si possano affrontare le ricadute del lockdown, per ora solo sedate con interventi assistenziali e non risolutori.

 

Per questo semplice motivo – conclude Prudenzano – Confintesa lascia libertà di scelta di voto ai suoi associati e simpatizzanti.

Recommended For You

About the Author: Lorenzo Perrone

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.